testamentoBuongiorno avvocato le sottopongo un problema. Io e i miei cugini siamo stati designati eredi nel testamento di uno zio. Alcuno di noi hanno accettato l’eredità, mentre altri non intendono fare nulla. Cosa si può fare affinché prendano una decisone?
Grazie.
F. da Ravenna
Signor F. i suoi cugini che sono ancora “chiamati all’eredità” (così si definiscono coloro che, designati eredi, non hanno ancora accettato o rinunciato) hanno dieci anni dalla morte dello zio per decidere cosa fare. Tale infatti è il termine di prescrizione concesso dall’art. 480 del Codice Civile.
Per non attendere così tanto, potete chiedere al Tribunale del luogo in cui si è aperta la successione, di fissare un termine entro il quale i chiamati all’eredità dichiarino se la accettano o vi rinunciano.
Trascorso il termine senza che sia stata resa la dichiarazione, si perde definitivamente tale diritto.
Nell’ipotesi in cui i chiamati rinunciassero, le loro quote verrebbero suddivise tra gli altri coeredi testamentari.